Archivi tag: smoke on the water

10 concerti dei Deep Purple memorabili

10 concerti dei Deep Purple memorabili, ovvero 9 concerti a cui ho avuto la fortuna di partecipare più un concerto pazzesco da riscoprire.

Forlì, 25 settembre 1993

10-concerti-dei-Deep-Purple-memorabili-forli-25-settembre-1993-bigliettoIl mio primo concerto dei Deep Purple, l’unico con la mitica MkII. 

Era un sabato, c’era sciopero dei treni e a fine concerto quel santo di mio padre venne anche a recuperare e il buon Raffa, tirando sù in macchina un greco che studiava a Ferrara (che scese in mezzo all’autostrada all’altezza del casello di Ferrara) e due pescatori chioggiotti (che scesero ad un orario improponibile alla stazione degli autobus di Piazzale Boschetti). Chissà che fine hanno fatto.

Del concerto non mi ricordo un cazzo ma non me lo dimenticherò mai. Anzi, ricordo una versione di Anyone’s Daughter che mi lasciò a bocca aperta e la bellezza assoluta di ascoltare per la prima volta Smoke On The Water eseguita dai Deep Purple. Continua a leggere 10 concerti dei Deep Purple memorabili

Annunci

Prima che arrivasse lui manco si sapeva che esistessero i tastieristi.

Ascolto i Deep Purple da sempre. Li ho visti dal vivo un’infinità di volta (la prima nel ’93, l’ultima nel 2009), ho tutti i loro dischi in vinile e anche in Cd (molti anche in 2 o 3 versioni), ho collezionato i loro bootleg e ho un hard disk zeppo di loro concerti, praticamente tutti quelli di cui è rimasta traccia sonora dal ’69 al 2002: vi assicuro che si tratta di un bel po’ di giga. Credo di avere tutto quello che ha prodotto la DP Family, e quasi tutto originale (non si può avere proprio tutto dalla vita). Non so bene come spiegarlo ma i Deep Purple (e tutta la family) hanno rappresentato qualcosa di importante nella mia vita.

Jon Lord è stato, molto semplicemente, il più grande tastierista di tutti i tempi. Non è stato il più bravo, non è stato il più tecnico, non è stato nemmeno quello più glamour. Non è stato un sacco ma chissenefrega, è stato il più grande e basta. Parliamoci chiaro: prima che arrivasse lui manco si sapeva che esistessero i tastieristi.

E poi il suono, il suono cazzo: ha creato un suono che lascia perdere, tutto il resto sono cazzate. Inutile perdersi via con “ha scritto pagine indelebili e bla bla bla”, mettete su un album dei Deep Purple oppure andate su Youtube e ascoltate la loro musica.

Jon Lord è morto ieri all’età di 71 anni: è stato il più grande tastierista di tutti i tempi, uno dei protagonisti di una stagione indimenticabile; ha vissuto una vita piena ed intensa, ha inventato insieme ad altri 4 ragazzotti di provincia l’hard rock e ci ha lasciato tanta musica meravigliosa. Non c’è nient’altro da aggiungere.

Hard Lovin Arena…

Estratto del concerto dei Deep Purple con la German Neue Philarmonic Orchestra all’Arena di Verona del 18 luglio 2001. Nel video trovate due estratti da Hard Lovin’ Man e da Perfect Strangers.

Rock Aid Armenia Remix

Trovate tutte le info qui.