Archivi tag: repubblica

Titoli originali, format innovativi: è la strategia vincente degli editori del nuovo millennio

Vi segnalo l’articolo “Ebook, il mercato decolla sulle ali del Tablet e fa nascere nuovi editori” di Paola Jadeluca su Repubblica Affari e Finanza di oggi in cui si fa il punto sulla situazione del mercato digitale italiano.

Nel pezzo trovate anche alcune dichiarazioni del sottoscritto per conto di LA CASE Books, oltre a quelle di Antonio Tombolini di Simplicissimus, Francesco Verso di Kipple, Jacopo De Michelis di Marsilio, Simone Bedetti di Area51 Publishing, Marco Cassani di Minimum Fax e Martin Angioni, country manager Amazon Italia.

Potete leggere tutto l’articolo di Paola Jadeluca su Repubblica Affari e Finanza.

CENTOMILA LIBRI DA SENTIRE

Riporto l’ottimo articolo pubblicato ieri su Repubblica sullo stato attuale delle cose per quanto riguarda la galassia audiolibri in Italia. Dario Pappalardo ha fatto il punto della situazione intervistando alcuni dei più importanti operatori italiani del settore, tra cui il sottoscritto (in teoria cliccando sull’immagine dovreste poter leggere comodomente tutto l’articolo, altrimenti ecco il link all’articolo nell’archivio di Repubblica.it).

Audiolibri, un business in crescita che attrae concorrenti dall’estero

AUDIOLIBRI, UN BUSINESS IN CRESCITA CHE ATTRAE CONCORRENTI DALL'ESTERO

Protagonisti del mercato sono “Il Narratore”, “Good Mood Edizioni” e “Emons Italia”, che hanno chiuso il 2010 con risultati positivi. Ad essi si contrappone “La Case”, azienda di Los Angeles che propone una produzione pensata proprio per l’Italia.

Articolo pubblicato a pag. 47 di Repubblica Affari e Finanza di lunedì 28 febbraio 2011 a firma di Paola Jadeluca.

Leggi l’articolo online su Repubblica.it

Da Los Angeles per conquistare il Made in Italy dell’audiolibro

[Ecco l’articolo firmato da Paola Jadeluca e pubblicato oggi su Repubblica Affari e Finanza. Si parla de LA CASE, il nuovo progetto editoriale in cui sono coinvolto]

Da a Los Angeles all’Italia per conquistare il mercato in grande sviluppo degli audiolibri. A dire il vero LA CASE, casa editrice con sede nella metropoli americana, non s’è dovuta manco spostare: grazie a Internet si fa tutto in rete, dalla concezione alla produzione fino alla commercializzazione, anche dei nuovi audiolibri ed ebook pensati per il mercato itlaliano.

Abbiamo tre filoni“, racconta Giacomo Brunoro che ha appena lasciato il suo incarico alla Good Mood, tra i principali produttori italiani di audiolibri, per l’incarico di direttore editoriale per l’Italia di LA CASE: “la prima collana, chiamata I Signori della Guerra, racconta le vite dei protagonisti della storia militare, da Gengis Khan a Rommel fino a Cesare. Un’altra collana sarà dedicata ai luoghi storici e leggendari, da Atlantide alle Piramidi. Infine una collana specifica sui grandi casi di cronaca italiani intitolata Misteri Italiani. Sono tutte tematiche di grande appeal, dove c’è un grande vuoto nell’editoria commerciale“.

Il caso di Amanda Knox e il delitto di Meredith a Perugia è già diventato un caso internazionale grazie alla fiction della FOX, e questo sarà anche il prossimo titolo in catalogo di LA CASE, che commercializzerà l’audiolibro e l’ebook in due versioni: una in inglese per il mercato USA e una in Italiano. E’ già uscito invece “Il mostro di Firenze” che a breve verrà pubblicato anche nella traduzione per il mercato Usa, dove l’Italia rappresenta sempre una terra di grande interesse e persino i casi di cronaca hanno grande risonanza.

Recente la pubblicazione de “Il Caso Orlandi”, di Jacopo Pezzan e Giacomo Brunoro (che è anche autore), audiolibro finito direttamente nella top ten degli audiobook più venduti in Italia. Ultimo nato “La Musa del Dams: il delitto che ha infranto il sogno di una generazione”, sempre di Jacopo Pezzan e Giacomo Brunoro. Tutti casi di grande eco sulla stampa e la cui soluzione si è trascinata per anni, spesso senza trovare un colpevole. Lo staff di Brunoro ci mette almeno 6 mesi per realizzare un nuovo titolo. Ciascuno basato su ricerche condotte con metodi di inchiesta scientifica. Spesso anche con risultati inediti, la scoperta di prove falsificate e altro ancora. Un filone a metà tra il racconto e la ricostruzione di documenti originali, sulla falsariga dei programmi di ricostruzione dei gialli come quelli condotti da Corrado Augias.

Skype, e-mail, server ftp: l’audiolibro si produce online e si compra in rete su iTunes Store. Il ponte con gli Usa è Jacopo Pezzan, giovane e intraprendente manager italiano che lavora a Los Angeles. Ma LA CASE sta già meditando di aprire presto una filiale a Milano.

Una fine analisi politica

Quattro motivi hanno frenato l’avanzata del Pdl: innanzitutto “la campagna d’odio contro di me“, poi l’astensionismo, la ‘diaspora’ siciliana e anche ‘il fattore Kaka’. E’ questa l’analisi che Silvio Berlusconi ha ripetuto per tutta la giornata commentando con i suoi l’esito del voto europeo. Anzi c’e’ anche un quinto motivo, non bisognava inserire la scritta ‘Berlusconi Presidente’ nel simbolo: “Tanti – ha spiegato il presidente del Consiglio ad un esponente azzurro – non hanno scritto il mio nome, anche mio figlio e’ stato tratto in inganno”.

Leggi il resto delle dichiarazioni di Berlusconi sul sito di Repubblica.