Archivi tag: libri digitali

Con “VITA DA CUOCO” Nicola Dinato svela i segreti della ristorazione stellata internazionale

Vita da Cuoco: Un romanzo che si fonde con l’autobiografia, un ebook che fa capire perché i grandi chef internazionali sono delle vere rockstar

CON “VITA DA CUOCO” NICOLA DINATO SVELA I SEGRETI DELLA RISTORAZIONE STELLATA INTERNAZIONALE

“Nicola Dinato sceglie l’inusuale strada di raccontare con un romanzo il suo pensiero e la sua esperienza di professionista dell’ultima generazione di cuochi figli di Ferran Adrià” (Cristiana Sparvoli).

“Nicola ha lottato, ha patito, si è sbattuto come un pazzo, ma alla fine è riuscito nell’impresa interpretando al meglio la nuova figura di cuoco moderno” (Luigi Cremona).

Paolo è un ragazzo con un sogno: diventare chef. La provincia italiana, Londra, la Costa Azzurra, Barcellona e New York saranno le tappe di un viaggio che lo porterà dentro alle cucine più famose del mondo tra duro lavoro, creatività, estro, amore, fantasia, crudeltà, sregolatezza e passione, a stretto contatto con star internazionali e personaggi da film.

Continua a leggere Con “VITA DA CUOCO” Nicola Dinato svela i segreti della ristorazione stellata internazionale

Annunci

I trentenni del libro fra ebooks e fumetti

Trentenni ambiziosi e appassionati, armati di ottime idee e di una buona dose di coraggio. Giovani editori veneti crescono.  […] Ecco, dunque, qualche esempio vincente: una selezione di nomi, volti e progetti nuovi, una prima mappa (in evoluzione) delle giovani eccellenze, dei talenti editoriali della nostra regione […].

Parliamo quindi di e-book e audiolibri, campo d’indagine esclusivo di La Case, creatura di Giacomo Brunoro e Jacopo Pezzan, con sede a Padova e Los Angeles, che ha scelto la strada del digitale, raccogliendo ottimi risultati dopo un solo anno di attività. Nata nel dicembre 2010, nel primo semestre del 2011 La Case ha pubblicato 30 titoli: due in particolare, Amanda Knox & The Perugia Murder e The True Stories of the Monster of Florence, sono stati venduti in Usa, Australia, Irlanda e Inghilterra, diventando piccoli casi editoriali internazionali.

«Fino a poco tempo fa – racconta Giacomo Brunoro – sarebbe stato impensabile per due autori italiani andare a vendere nel mercato di lingua anglosassone, ora invece questo non solo è possibile, ma è anche una realtà concreta».

Potete leggere tutta l’articolo di Francesca Boccaletto sul sito del Corriere del Veneto

Mondo editoriale in subbuglio: Amanzon nemico pubblico n°1?

Il mondo dell’editoria è in subbuglio perché Amazon ha dichiarato che dopo il primo esperimento fatto quest’anno l’anno prossimo pubblicherà più di 100 titoli. In pratica l’azienda di Seattle ha deciso di mettersi a fare l’editore.

La cosa ha subito scatenato reazioni scomposte da parte dei gruppi editoriali internazionali (non parliamo di quelli italiani poi…), con i grandi editori letteralmente indignati per questa decisione. Del resto basta leggere titoli come “Amazon bypassa gli editori: accordo diretto con gli autori”, oppure cose come “Amazon aggira gli editori” e compagnia cantante.

Ora io mi domando perché se gli editori possono aprire delle librerie senza che nessuno dica niente tutti invece si sono meravigliati se non addirittura indignati perché Amazon, che in fin dei conti altro non è che una libreria, ha deciso anche di pubblicare direttamente libri?

Quello che davvero non sopporto è la disonesta intellettuale di chi millanta principi inesistenti e parole come cultura soltanto per difendere in maniera spudorata interessi consolidati (quando non si tratta di privilegi). Come al solito ci si riempie la bocca di parole come libero mercato, concorrenza e bla bla bla bla ma appena il proprio orticello viene invaso si scatenano reazioni che neanche ai tempi della restaurazione.

Finché Amazon vende i tuoi libri in tutto il mondo e ti fa fare affari d’oro allora è uno splendido partner commerciale e il mondo è bellissimo, appena Amazon scende in pista e diventa un tuo concorrente allora il mondo è una merda e Internet, la rete e l’editoria digitale in genere diventano “il male”.

Poveri sconfitti dalla storia che si ostinano a voler svuotare il mare con un cucchiaino, quando l’onda arriverà verranno completamente travolti.

L’ascesa dei «nuovi» autori: un articolo da leggere

Vi consiglio di leggere L’ascesa dei «nuovi» autori, articolo firmato da Giuseppe Granieri e pubblicato da La Stampa:

“Così, accanto agli scrittori ancorati ad una visione tradizionale, c’è una nuova generazione di autori. Sono autori  «nuovi» non perché siano al debutto, ma perché interpretano in modo contemporaneo il loro ruolo. E non stiamo parlando solo del «manipolo di pionieri» che Amazon ha raccolto sotto l’ombrello di questa nuova feature.

Se segui quello che accade nell’editoria americana, c’è un gruppo sempre più nutrito di autori che partecipa a questo nuovo mondo, che usa un nuovo lessico, che non considera Twitter (o il blog) una tecnicaglia e che guarda oltre lo strumento, per vedere un nuovo rapporto con i lettori. L’intuizione che c’è dietro è importante: con il digitale l’autore ha maggior controllo sulla sua opera e sul mercato. Ed è un’opzione nuova e forte, strategica, ma come tutte le nuove opzioni implica apprendimento (bisogna essere digital savvy, imparare e pensare in modo nuovo), impegno e responsabilità”.

Leggi tutto l’articolo direttamente su La Stampa.it

Ebook: perché si parla sempre del contenitore e non del contenuto?

Quando si ha a che fare con i libri digitali si parte subito con il piede sbagliato: mi spiegate perché chiamarli ebook? Fino a prova contraria stiamo parlando comunque di un’edizione di un libro: che sia stampato su carta, manoscritto, fotocopiato o in formato digitale sempre dello stesso libro si parla. Non ho mai sentito un critico recensire un libro definendolo “brossurato”, “con copertina rigida” o in “edizione tascabile”… Da che mondo e mondo la critica letteraria recensisce il contenuto.

Leggi tutto l’articolo nel blog Editoria Digitale

In Giappone arriva il distributore di ebook nelle librerie: a quando anche in Italia?

Come al solito il Giappone è sempre avanti quando si parla di nuove tecnologie: proprio dal Paese del Sol Levante arriva una novità destinata a rivoluzionare il mondo dell’editoria digitale. A dire il vero idee per esperimenti del genere stanno già circolando da tempo tra gli addetti ai lavori anche in Italia, ma questo distributore di ebook per libreria rappresenta sicuramente un grande passo avanti. Finora infatti sono stati fatti diversi esperimenti per portare il digitale in vendita anche nelle librerie: nel mondo degli ebook Simplicissume ha presentato proprio all’ultimo Salone del Libro Ultima Books Pro, mentre per quanto riguarda gli audiolibri era stata GoodMood Edizioni a lanciare il progetto FILEBOOK al Salone del Libro del 2010).

Uno dei problemi dell’editoria digitale infatti è quello di far conoscere al pubblico i vantaggi e le comodità dei prodotti digitali. Naturalamente finché i tablet e gli e-reader non saranno ampiamente diffusi anche da noi sarà difficile vedere distributori del genere nelle nostre librerie. Per la precisione va detto che quello giapponese per ora è soltanto un prototipo, ma è anche vero che come abbiamo ricordato i giapponesei sono estremamente ricettivi per tutto ciò che è collegato al digitale quindi è verosimile che questi distributori automatici di ebook diventino presto una cosa molto comune.

Leggi tutto il post nel blog Editoria Digitale.

“Il delitto di via Poma”: 15% di sconto fino al 25 luglio su Bookrepublic

Bookrepublic, lo store di riferimento per quanto riguarda gli ebook in Italia, festeggia il suo primo compleanno. Per l’occasione è stata lanciata la promozione “La carica dei 101”, dedicata a tutti gli editori indipendenti presenti su Bookrepublic.

Per ogni editore indipendente è stato scelto un libro che, fino al 25 luglio, sarà in vendita con il 15% di sconto.

Per ottenere lo sconto basta inserire, al momento dell’acquisto, il codice happybday (in minuscolo).

Tra gli ebook pubblicati da LA CASE è in promozione “Il delitto di via Poma: un giallo senza fine”, libro che Jacopo Pezzan ed io abbiamo scritto sul caso di Simonetta Cesaroni, la ragazza uccisa a Roma il 7 agosto 1990.

Per acquistare l’ebook con il 15% di sconto basta seguire questo link.

Da Padova i best seller online

DA PADOVA I BEST SELLER ONLINE

“Da Padova i best seller online”, articolo di Giambattista Marchetto su LA CASE con intervista a Giacomo Brunoro e a Jacopo Pezzan pubblicato su Il Sole 24 Ore Nord Est di mercoledì 22 giugno 2011.