Archivi tag: argentina

Brasile 2014: la Germania è Campione del Mondo

La Germania vince per 1-0 contro l’Argentina e si laurea Campione del Mondo per la 4a volta. Vittoria strameritata per una normale generazione di fenomeni.

La Germania è per la quarta volta Campione del Mondo. 1 a 0 zero sofferto contro l’Argentina e i tedeschi scrivono la parola fine su un mondiale tutto sommato divertente. Bella anche la finale, soprattutto nel primo tempo. Era dai tempi di Mexico ’86 che non si vedeva una finalissima così divertente.

La Germania vince strameritatamente questo mondiale: per arrivare al titolo ha asfaltato squadre come Brasile, Francia e Portogallo, e in finale ha surclassato sul piano del gioco un’Argentina davvero mediocre. Messi in particolare è stato assolutamente inutile, invisibile, come in tutte le partite dagli ottavi in poi. Continua a leggere Brasile 2014: la Germania è Campione del Mondo

Annunci

Brasile 2014: la finalissima sarà Germania – Argentina

Domenica sera al Maracanà di Rio de Janeiro Germania e Argentina si sfideranno per la terza volta in una finale dei Campionati del Mondo.

E così la finalissima sarà Germania – Argentina, come a Mexico ’86 (3 a 2 per gli argentini) e a Italia ’90 (1 a 0 per i tedeschi). Quella dell’86 fu una finale stupenda, quella del 90 invece fu inguardabile, con tanto di rigore inesistente fischiato in favore dei tedeschi. Vediamo un po’ cosa succederà domenica sera, se i tedeschi partono forte c’è il rischio che si aprano un po’ di spazi per l’Argentina e allora la partita potrebbe diventare davvero divertente.

Ieri sera abbiamo assistito ad una partita brutta, con due squadre ingessate che sembravano scese in campo già con l’idea di andare ai rigori. Peccato per l’Olanda, mi sarebbe piaciuto vederla ancora una volta in finale. Appuntamento rimandato a Russia 2018.

Continua a leggere Brasile 2014: la finalissima sarà Germania – Argentina

Brasile 2014: le magnifiche quattro

Argentina, Brasile, Germania e Olanda, queste le quattro semifinaliste di Brasile 2014. Per la prima volta da Mexico ’70 in semifinale due sudamericane e due europee.

Brasile 2014 le magnifiche quattro

Questa sera Brasile e Germania scendono in campo per la prima semifinale di Brasile 2014. Era dai tempi di Mexico ’70 che non ci si ritrovava con due sudamericane e due europee in semifinale, in quell’occasione c’erano Brasile, Germania, Italia e Uruguay, con con la seleçao di Pelé che poi si laureò Campione del Mondo.

Olanda e Argentina dunque prendono il posto di Italia e Uruguay. Per la prima volta dai tempi di Uruguay 1930 ci potrebbe essere una finale tutta sudamericana: nelle due precedenti occasioni in cui ci furono due sudamericane in semifinale infatti entrambe le formazioni giocarono uno scontro diretto (Brasile-Chile 4 a 2 a Chile ’62 e Brasile-Uruguay 3 a 1 a Mexico 70).

Allo stesso modo ci potrebbe anche essere un’inedita finale tutta europea, cosa che non si è mai verificata nei Campionati del Mondo giocati in Sudamerica. Lo scenario più affascinante sarebbe senza dubbio una finalissima Brasile-Argentina, finale inedita e dalle mille suggestioni.

Curiosamente le due semifinali sono le ripetizioni di due altrettanti finali mondiali: Brasile-Germania infatti è stata la finale di Giappone e Corea 2002 (2 a 0 per i brasiliani con doppietta di Ronaldo), mentre Argentina-Olanda è stata la finale di Argentina 78 (3 a 1 per i sudamericani il risultato finale). Continua a leggere Brasile 2014: le magnifiche quattro

Il gioco del calcio

Magari l’Argentina non vincerà nulla, però leggere di come conduce gli allenamenti Maradona riconcilia con il gioco del calcio, specialmente in tempi come questi:

«[…] “Ehi Diego, questo è fallo”, urla Veron. “Continuare, forza! Continuare!”, la risposta di Maradona che, con fischietto in bocca e braccia alzate, scatena le risate dei giocatori e dei suoi assistenti durante un frangente della partitella che ha concluso l’allenamento di ieri […] penitenza finale per gli sconfitti, obbligati ad allinearsi sulla linea di porta e a sopportare una raffica di pallonate scagliate dai compagni vincitori. Il c.t. argentino non si è tirato indietro nemmeno in questa circostanza e, con grande spirito di solidarietà, ha voluto anch’egli subire la sua dose di pallonate, scandite una volta di più da applausi e grandi risate […]» (potete leggere tutto l’articolo di Adriano Seu sul sito della Gazzetta).

Un altro mondo rispetto alle paranoie e alle antipatie ataviche di gente come Lippi, Capello, Sacchi… poi, per carità, magari l’Argentina non vincerà niente e i più bravi saranno sempre loro, gli antipatici. Ma questo è un altro discorso. Ma quando vedi uno che allena in campo con il sigaro in bocca c’è da aggiungere altro? Che te lo dico a fare…

Yo soy el Diego: “que me la chupen”